Romy Schneider, Sissi per sempre

Romy Schneider (1938-1982) nei panni della principessa Sissi.

Sarebbe stata addirittura spiata dalla Stasi, la polizia comunista della Germania dell’Est. La motivazione? Presunto sostegno ad un movimento di opposizione. Un colpo di scena che non scalfisce il mito di Romy Schneider. La diva più popolare d’Austria, la musa di Luchino Visconti, di Claude Sautet, di Orson Welles. L’immortale principessa Sissi.

Romy, vero nome Rosemarie Magdalena Albach, nata a Vienna nel 1938, aveva interpretato  per tre volte sul grande schermo, tra il 1955 e il 1957, Elisabetta di Baviera. Un successo clamoroso in tutto il mondo. Secondo molti critici, si trattò del primo fenomeno di immedesimazione collettiva.

Schneider è perfetta. Bellezza di porcellana, elegante senza superbia, lunghi capelli rossi. Un solo amore di celluloide: l’imperatore Francesco Giuseppe. Nella vita, Romy non avrà altrettanta fortuna. Conosce Alain Delon e se ne innamora. Ma la storia ha vita breve: nel 1964 le strade dei due divi si separano.

Le sirene di Hollywood riescono a lenire il dolore e l’eco (per ora lontana) del male di vivere. Schneider si sposa ancora. Due matrimoni per ritrovare la felicità. Che, però, non arriva. L’attrice è disperata: cerca conforto nell’alcool e finisce per affogare nella depressione. Gli anni Settanta pesano come un macigno sul suo meraviglioso corpo . Nel 1981, la tragedia: muore il figlio 14enne David. Romy lo segue un anno dopo.

Viene trovata senza vita in un appartamento di Parigi, è il maggio del 1982. I referti medici parlano di arresto cardiaco, ma non si esclude il suicidio. Romy Schneider ha solo 44 anni. Il giorno del funerale, Alain Delon lascia sulla sua bara un biglietto: «Non sei mai stata così bella». Lei avrebbe sorriso. Luminosa e pudica, ancora principessa. Per l’ultima volta.

Annunci
Explore posts in the same categories: Stelle del Cinema

Tag: , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

2 commenti su “Romy Schneider, Sissi per sempre”


  1. […] Romy Schneider, Sissi per sempre Romy Schneider (1938-1982) nei panni della principessa Sissi. Sarebbe stata addirittura spiata dalla Stasi, la polizia comunista della Germania dell’Est. La motivazione? Presunto sostegno ad un movimento di opposizione. Un colpo di scena che non scalfisce il mito di Romy Schneider . blog: Polvere di Stelle | leggi l'articolo […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: