Posted tagged ‘Carlo Vanzina’

Paola Quattrini, la ragazza prodigio dello spettacolo italiano

marzo 8, 2010

Paola Quattrini è nata a Roma nel 1944. Ha alle spalle più di sessant'anni di carriera. (Google)

A quattro anni era già sul set. Una bambina prodigio. La recitazione Paola Quattrini ce l’aveva nel sangue. E lo dimostrerà fin dalle prime interpretazioni. Nata a Roma nel 1944, amava il cinema e il teatro. Comincerà con il primo. Guido Brignone la fa esordire nell’intenso Il bacio di una morta (1949). Arriveranno poi le collaborazioni Raffaello Matarazzo e Luigi Capuano. Due registi di razza: per loro Paola sarà la dolce e innocente vittima della cattiveria degli adulti.

Quindici film in soli dieci anni di carriera. Fino all’incontro con il teatro, nel 1961. Prosa impegnata, commedia leggera: l’attrice sperimenta tutte le sfumature del palcoscenico. Da Shakespeare a Ionesco, da Aristofane a Pirandello.

L’impegno cinematografico va in secondo piano. Quattrini si farà notare nel divertente La coppia più bella del mondo (1968), di Camillo Mastrocinque. Poi, negli anni Ottanta, diventerà la comprimaria di lusso in alcune commedie all’italiana. A rispolverare sul grande schermo il talento della bionda Paola sarà Pupi Avati. Il ruolo di Lea in Fratelli e sorelle (1992) le vale un Nastro d’Argento come migliore attrice non protagonista. Da segnalare anche l’interpretazione della moglie arrivista in Io no spik English (1995), regia di Carlo Vanzina, accanto a Paolo Villaggio.

La carriera di Paola Quattrini si arricchisce ancora oggi di nuovi traguardi. In televisione e a teatro, dove i suoi spettacoli riscuotono sempre grande successo. Segno dell’affetto del pubblico verso un’artista che ha lavorato con Amedeo Nazzari, Luigi Zampa e con il grande Walter Chiari.

Annunci

Karina Huff, indimenticabile Susan

gennaio 25, 2010

Karina Huff nel pieno del suo successo. (Google)

Era la bionda tutto pepe del cinema anni Ottanta. Inglese di nascita, americana per esigenze di copione. Italiano improbabile, sorriso ammaliante e boccoli dorati. Una specie di Farrah Fawcett. Meno sofisticata, meno irraggiungibile. Simpatica e maliziosa. Karina Huff oggi ha 49 anni e non recita più.

Sono lontanissime le sue estati meravigliose, le passeggiate sulla spiaggia di Forte dei Marmi. In Sapore di Mare (1982) di Carlo Vanzina è Susan. Prima fidanzata capricciosa di Cristian De Sica, poi aspirante fotomodella. Ama la fama, i soldi, le discoteche. Vive di incertezze. Sarà l’incontro con Paolo (Angelo Canavacciuolo) a cambiarla. Si innamora di quel ragazzo discreto, impacciato. Eppure così sincero. Alla fine scoppierà la passione. Perché un happy end non si nega a nessuno, in Versilia.

Huff interpreterà di nuovo Susan in Sapore di Mare 2 –Un anno dopo (1983) di Bruno Cortini. I fratelli Vanzina poi la vogliono anche sul set di Vacanze di Natale (1983). Gli adolescenti italiani impazziscono. Sembra l’inizio di una promettente carriera. Invece il declino arriverà di lì a poco. Una manciata di ruoli, sempre simili tra loro. E alla fine la commedia le volta le spalle.

Karina è sempre bellissima. Nel 1981 aveva perfino posato senza veli per Playboy. Motteggi ironici da pin-up, incorniciati da un corpo mozzafiato. Una giovane donna alla ricerca del suo posto al sole nel mondo dello spettacolo. Il successo però durerà solo una stagione.

L’Inghilterra si avvicina a grandi passi. Karina Huff ci tornerà già a partire dagli anni Novanta. Inizia una nuova vita: due figli, grandi cambiamenti. Un tumore al seno la sorprende nel 2008. L’ormai ex attrice reagisce: lotta come una leonessa, affronta la battaglia con coraggio. Vincerà lei. La bellissima meteora bionda che in tanti hanno sognato di incontrare sui divani della Capannina.