Posted tagged ‘Fantozzi’

Zitella e seduttrice: la signorina Silvani, una vamp alla scrivania

gennaio 2, 2010

La signorina Silvani (Anna Mazzamauro) seduce il ragionier Ugo Fantozzi (Paolo Villaggio). (Google)

Era il sogno erotico di Ugo Fantozzi. Il sex symbol della scrivania accanto, trucco generoso e abbigliamento improbabile. Una vamp formato ufficio, tutta ammiccamenti e pratiche da sbrigare. Chi non ricorda la signorina Silvani? Anna Mazzamauro, strepitosa attrice romana, l’ha interpretata in quasi tutti i film della saga di Fantozzi (una sola eccezione: Fantozzi contro tutti, 1980).

Un personaggio inconfondibile. Silvani si affaccia nel microcosmo del più mediocre impiegato del nostro cinema a partire dal 1975. Della sua vita privata si sa poco o nulla. È ragioniera e zitella impenitente. Professione, dipendente della Megaditta. O, se preferite, seduttrice del reparto sinistri.

Una divertente immagine di Anna Mazzamauro-signorina Silvani. (Virgilio)

Eletta a più riprese Miss Quarto Piano, diventa la musa di Fantozzi. Un corteggiamento senza risultati, quello del ragioniere in Bianchina. Silvani si sposa con un altro collega, lo sciupafemmine geometra Calboni (Giuseppe Anatrelli), ma ben presto torna single. Maliarda come non mai, sensibile più di prima alle lusinghe maschili.

Da quell’impacciato pretendente accetta regali, complimenti e piccole cortesie. All’inizio prova quasi compassione. Poi prevale l’egoismo da divetta di borgata: si negherà ripetutamente a Fantozzi, anche col passare degli anni. Perfino quando si accorgerà di essere diventata vecchia e sola. Unica concessione, un viaggio a Cortina.

Anna Mazzamauro è nata a Roma nel 1941. Ha alle spalle una lunga carriera teatrale, cinematografica e televisiva.

Abbandonato il proverbiale abitino vermiglio, alla vigilia del Ventunesimo secolo Silvani ritorna con energia dal bistrattato ragioniere in Fantozzi – Il Ritorno (1996) di Neri Parenti. Lo illude di aspettare un figlio da lui,  chiede «cinque pippi» (cioè milioni) per il mantenimento. Un inganno come tanti: quei soldi serviranno per pagare un intervento di chirurgia estetica che avrebbe dovuto restituire all’eterna signorina la bellezza e l’autostima dei tempi migliori.

Anna Mazzamauro ha portato il personaggio di Silvani anche a teatro. A lei va il plauso di un’intera generazione di cinefili. Riconoscimento alla bravura e al coraggio di un’interprete che ha lavorato con Paolo Villaggio, Oreste Lionello e Giorgio Albertazzi. E che sul palcoscenico non ha esitato a vestire i panni (unica donna al mondo) di Cyrano de Bergerac.

Annunci